Le associazioni e gli enti si trovano spesso ad avere necessità di effettuare una serie di operazioni finanziarie, quali ad esempio invio e ricezione di pagamenti e donazioni. Per una gestione ottimizzata di questo tipo di attività è indispensabile l’apertura di un conto corrente per associazioni specifico.

Come scegliere il conto corrente per associazioni non profit migliore? Guida alla scelta della soluzione più adatta.

Il conto corrente per le associazioni e gli enti del terzo settore è un prodotto finanziario dedicato ad associazioni senza fini di lucro ed enti no-profit, associazioni sportive non professionali, organizzazioni non governative, cooperative e associazioni di volontariato. Questa tipologia di conti correnti presenta numerose agevolazioni rispetto ai conti correnti tradizionali pensati per le imprese, in particolare nella sua opzione di conto corrente online.

Funzioni e caratteristiche di un conto corrente per associazioni.

Generalmente semplificato nella gestione e nelle funzioni presenti, il conto corrente per associazioni dà l’accesso a tutti i servizi di base del normale conto corrente: gestione dei movimenti finanziari dell’associazione, pagamento di bonifici e bollettini, accesso ai servizi di internet banking. Nella maggior parte dei casi, i costi sono notevolmente inferiori: il conto corrente per associazioni non prevede il pagamento del bollo, così come del canone annuo, che include operazioni bancarie online e allo sportello illimitate.

Come “funziona” il conto corrente per associazioni?

Il conto corrente per Associazioni funziona seguendo lo stesso concetto di base delle tipologie sopraccitate e, in aggiunta, potrà garantire agevolazioni rispetto ai conti tradizionali dedicati alle imprese.

Tra le varie agevolazioni possiamo trovare:

  • assenza del pagamento del bollo
  • assenza del pagamento del canone annuo
  • inclusione operazioni illimitate allo sportello oppure online

N.B. Le agevolazioni in questione possono variare in base ai differenti piani offerti dai vari conti correnti.

Quando usare il conto corrente per Associazioni?

Il conto corrente intestato all’Associazione è uno strumento necessario per svariati motivi. Vediamo nel dettaglio quali sono le casistiche più diffuse:

  • ricevere donazioni
  • ricevere quote associative
  • effettuare/ricevere pagamenti con bonifici e bollettini
  • versare lo stipendio a eventuali collaboratori

Quali Associazioni possono usufruire del conto corrente?

Il conto corrente in questione può essere intestato da vari tipi di Associazioni, quali:

  • associazioni senza fini di lucro ed enti no-profit
  • associazioni sportive non professionali
  • organizzazioni non governative
  • cooperative
  • associazioni di volontariato

Come aprire un conto corrente?

Aprire il Conto Corrente di un’associazione è una buona prassi, un’attività che “generalmente” viene fatta dal Presidente o dal Legale Rappresentante dell’associazione, ma anche da un semplice delegato del consiglio direttivo o del consiglio d’amministrazione.

Nel momento in cui si decida di aprire un conto corrente, si deve sapere che presentandosi alla banca si dovrà essere in possesso di tutta una serie di documenti.

Tra i documenti da portare con se ricordiamo lo Statuto e l’Atto costitutivo; il Documento di identità del Legale Rappresentante; il Certificato di attribuzione della Partita Iva; il Verbale del Consiglio Direttivo con il quale vengono attribuiti i poteri di firma al Presidente o Consigliere delegato.