Come richiedere il riconoscimento di ONLUS? Quali sono i passaggi per “trasformare” un ASD normale in ASD ONLUS?

Le ASD che perseguono esclusivamente finalità di solidarietà sociale possono, in presenza di determinate condizioni, chiedere il riconoscimento della qualità di ONLUS (Organizzazioni Non Lucrative di Utilità Sociale) e usufruire, quindi, di ulteriori agevolazioni fiscali.

Una Associazione Sportiva Dilettantistica può richiedere il riconoscimento di ONLUS nel caso rispetti alcune precise condizioni tra cui il perseguimento “ESCLUSIVAMENTE” di finalità di solidarietà sociale.

Ciò avviene quando l’attività è diretta a produrre benefici a persone “svantaggiate in ragione di condizioni fisiche, psichiche, economiche, sociali o familiari”. Per persone svantaggiate si intende: “soggetti in condizioni di obiettivo disagio, connesso a situazioni psico-fisiche particolarmente invalidanti, a situazioni di devianza, di degrado o grave disagio economico-familiare o di emarginazione sociale”. Ad esempio: i disabili fisici e psichici affetti da malattie comportanti menomazioni non temporanee; tossico-dipendenti; alcolisti; indigenti; anziani non autosufficienti in condizioni di disagio economico; minori abbandonati, orfani o in situazioni di disadattamento o devianza; profughi; immigrati non abbienti.

L’attività di un associazione sportiva dilettantistica ONLUS può esser rivolta anche nei confronti degli associati purché si trovino in condizioni di svantaggio.

Quali clausole devono essere espressamente indicate nello statuto di un associazione sportiva dilettantistica ONLUS?

Lo Statuto di una associazione sportiva dilettantistica ONLUS deve indicare espressamente alcune clausole. Le clausole in buona parte coincidono con quelle di una ASD tipica ma altre invece se ne discostano tipiccizzando l’attività di un asd ONLUS.

Le clausole tipiche di un ASD ONLUS sono:

  • esclusivo perseguimento di finalità di solidarietà sociale

  • divieto di svolgere attività diverse ad eccezione di quelle direttamente connesse

  • divieto di distribuire, anche in modo indiretto, utili a meno che la distribuzione non sia imposta per legge o sia effettuata a favore di altre ONLUS, che per legge, Statuto o regolamento fanno parte della stessa struttura

  • obbligo di devolvere il patrimonio dell’organizzazione, in caso di suo scioglimento, ad altre organizzazioni non lucrative di utilità sociale o a fini di pubblica utilità, sentito il Ministero del Lavoro e salvo diversa destinazione imposta dalla legge

  • uso, nella denominazione e in qualsiasi segno distintivo o comunicazione rivolta al pubblico, della locuzione «organizzazione non lucrativa di utilità sociale» o dell’acronimo «ONLUS».

Come richiedere il riconoscimento di ONLUS? Quali sono i passaggi per “trasformare” un ASD normale in ASD ONLUS?

Le ASD che intendano assumere la qualifica di ONLUS devono iscriversi nell’Anagrafe Unica istituita presso l’Agenzia delle Entrate. L’iscrizione avviene inviando una comunicazione alla Direzione Regionale – Ufficio Accertamento, allegando Statuto/Atto costitutivo o una dichiarazione sostitutiva che attesti le attività svolte e il possesso dei requisiti. Le istruzioni e i modelli sono presenti sul sito internet:www.agenziaentrate.gov.it.

image_pdfScarica in PDFimage_printVedi anteprima di stampa