Che cos’è il Crowdfunding per associazioni e perché è importante per le Onlus? Per le Associazioni No Profit il momento della raccolta fondi costituisce la definizione degli orizzonti futuri, oltre a rendersi momento di verifica per valutare il proprio operato. Accanto alle classiche forme della sottoiscrizione e dell’autofinanziamento vanno diffondendosi anche le nuove forme trainate dal web. Che possono portare grandi possibilità ma anche grandi pericoli.

Le idee da sole non bastano. E se gestisci un associazione sicuramente capirai meglio di altri quest’affermazione! Scopriamo insieme le possibilità di finanziamento per associazioni offerte dal crowdfunding!

Le Associazioni No Profit portano nella sua stessa definizione la loro missione: non creare profitto lucroso. Questo decisivo aspetto, oltre a identificare l’operato di un’associazione con una precisa e distintiva mission, ribalta completamente la figura del finanziatore di una Onlus, che ovviamente non è spinto da logiche di profitto, ma da una carica emozionale, etica e morale di partecipazione. Risulta evidente allora che riuscire a costruire una strategia di comunicazione capace di entrare in sintonia con gli aspetti emozionali del donatore, sia molto più complicato rispetto ad una concreta possibilità di guadagno, e dunque di profitto, da parte del finanziatore stesso.

Che cos’è il crowdfunding

Nato come forma di microfinanziamento dal basso che mobilita persone e risorse, il crowdfunding è oggi tra le forme più diffuse ed efficaci di finanziamento di progetti imprenditoriali e creativi. I siti web fanno da piattaforma (tra i più famosi a livello internazionale Kickstarter e Indiegogo, solo per fare qualche nome) e permettono ai fundraiser di incontrare un ampio pubblico di potenziali finanziatori.

Esistono vari tipi di crowdfunding:

  • reward based (raccolta fondi che, in cambio di donazioni in denaro, prevede una ricompensa, come il prodotto per il quale si sta effettuando il finanziamento, o un riconoscimento, come il ringraziamento pubblico sul sito della nuova impresa);
  • donation based (modello utilizzato soprattutto dalle organizzazioni no profit per finanziare iniziative senza scopo di lucro);
    lending based (microprestiti a persone o imprese);
  • equity based (modello regolamentato dalla Consob: in cambio del finanziamento versato è prevista la partecipazione del finanziatore al capitale sociale dell’impresa, diventandone così socio a tutti gli effetti);
  • ibride (basate su più modalità di finanziamento).

Quali sono le 10 migliori piattaforme di crowdfunding a cui affidarsi?

Kickstarter. Kickstarter è senza dubbio la piattaforma di crowdfunding più famosa nel Mondo. Fondata a Manhattan nel 2009, nel giro di pochi anni, è riuscita a sconfinare oltreoceano ed approdare in Europa. In Italia è arrivata nel 2015. Attualmente è utilizzabile in 21 Paesi. Kickstarter applica un modello misto: donation based e reward based. Non permette, invece, offerte in equity based e vincola i destinatari delle donazioni alla pubblicazione del progetto. Al termine della campagna è possibile raccogliere i fondi sono al raggiungimento del budget predefinito. Kickstarter trattiene una commissione del 5% sulla somma raccolta solo in caso di gol.

DeRev. Secondo un rapporto della Commissione europea DeRev, progetto tutto italiano, è tra le 5 migliori piattaforme di crowdfunding in Europa. Lanciata nel 2013 detiene il record della campagna di crowdfunding più finanziata in Italia: 1 milione e mezzo di euro destinati alla ricostruzione della Città della Scienza di Napoli, distrutta da un incendio. DeRev propone 3 formule, 2 a tempo e una illimitata: raccogli tutti e tutto o niente, entro un massimo di 90 giorni; fundraising, con accredito istantaneo dei fondi e senza obiettivi minima. Una formula, quest’ultima, riservata ad associazioni no-profit o enti che intendono finanziare attività continuative.

Eppela. Come DeRev, anche Eppela è una piattaforma italiana. Nata nel 2011, nel 2017, ha raccolto quasi 6 milioni e mezzo di euro. Applica il modello reward based, che prevede una ricompensa per il donatore che ha effettuato la donazione, e stabilisce dei limiti di tempo entro i quali raccogliere i fondi, variabili da un minimo di 15 giorni ad un massimo di 40 giorni. Eppela trattiene una commissione del 5% sulla somma raccolta solo in caso di gol. Tra le piattaforme aperte all’equity based, Eppela offre l’opportunità del cofinanziamento dei progetti da parte di aziende, fondazioni e istituzioni, fino ad un massimo del 50% del loro budget.

,

Lascia un Commento